Colpo di sole o calore: la vera differenza?

Anche se ci sembrano esattamente la stessa cosa, sono due cose ben distinte:

Il colpo di calore, anche definito ipertermia, è una condizione patologica caratterizzata da un rapido aumento della temperatura corporea, che impedisce all’organismo di disperdere il calore corporeo con la sudorazione. Si può verificare anche al chiuso in assenza di sole, in condizioni ambientali particolari (ridotta areazione di un locale, alto livello di umidità e un grado di calore elevato): in questi casi, può anche verificarsi un collasso da calore.

Il colpo di sole, o insolazione, comporta un aumento della temperatura corporea a causa dell'irradiazione solare e di una protezione inadeguata, e può associarsi a scottature sulla pelle o sul capo. Qui, nello specifico il problema dipende  dall’esposizione diretta e prolungata dei raggi solari, le radiazioni infrarosse e quelle ultraviolette nella zona della testa.

Quando ci si espone al sole per un tempo prolungato nelle ore più calde e senza una giusta protezione, il rischio è quello di andare incontro ai sintomi dell’insolazione. Scopriamo insieme quali sono:

arrossamento del volto e della pelle esposta;
tachicardia o polso frequente;
progressivo aumento della temperatura corporea;
cefalea;
fotofobia;
disturbi visivi;
senso di malessere;
nausea;
vertigini
possibile confusione mentale;
allucinazioni;
delirio;
perdita di coscienza.
Come evidente, gli ltimi sintomi elencati possono anche risultare molto gravi, di conseguenza non bisogna minimizzare il presentarsi di un insolazione.



Cosa fare in caso di colpo di sole:

Anche il colpo di sole può risultare fastidiosio, ed in caso di piccoli malori ecco cosa è consigliabile fare:



chiama subito l’Addetto al Primo Soccorso e il 118;
posizionati all’ombra e al fresco, sdraiato in caso di vertigi e capogiri, sul fianco in caso di nausea, mantenendo l’assoluto riposo;
slaccia o togli gli abiti;
misura la temperatura corporea;
cerca di raffreddare rapidamente il corpo e, se possibile, servirti di un lenzuolo bagnato o, in alternativa, raffredda la cute con spugnature di acqua fresca non fredda, in particolare su fronte, nuca ed estremità, ventilando e spruzzando acqua sul corpo.

Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato January February March April May June July August September October November December